REGOLAMENTO INTERNO DEL LAVORO DI MATURITÀ

 

Basi legali: artt. 12 e 13 del Regolamento degli studi liceali del 24 giugno 1997.

 

 

1. A un LM monodisciplinare devono essere iscritti da 8 a 12 allievi. Con un numero minore di iscritti il LM può essere ugualmente organizzato alle seguenti condizioni:

nr. allievi                                                      sgravio orario per il docente

da      4 a 5                                                     1 h.

da      6 a 7                                                     1.5 h.

da      8 a 12 (dotazione normale)                 2 h.

 

2. A un LM pluridisciplinare devono essere iscritti da 12 a 16 allievi. Con un numero minore di iscritti il LM può essere ugualmente organizzato alle seguenti condizioni:

nr. allievi                                                      sgravio orario per ciascun docente

da    8 a 9                                                       1 h.

da  10 a 11                                                     1.5 h.

da  12 a 16 (dotazione normale)                   2 h.

 

3. Un lavoro di maturità non può essere "raddoppiato", salvo casi eccezionali.

 

4. Per non incidere eccessivamente sulla dotazione oraria per sede, il totale delle ore annualmente riservate per il LM non dovrà superare (N/5) + 4, dove N è il numero di allievi delle classi III.

 

5. Gruppi di allievi possono proporre per iscritto, entro un termine stabilito dalla direzione, l’organizzazione di un lavoro di maturità. Il docente o i docenti interessati dovranno vagliare la proposta degli allievi e potranno farla propria presentandola alla direzione, oppure rifiutarla.

 

6. Ogni gruppo di materia è tenuto a proporre annualmente almeno un LM. Ne può proporre fino a:

 

7. Ogni docente può proporre un unico LM per anno scolastico (compreso quello eventualmente suggerito da un gruppo di allievi); lo stesso tema non può essere ripetuto per più di due anni consecutivi.

 

8. Nella proposta di LM sono indicati, se ritenuti necessari:

 

9. Il CDD allestisce il fascicolo delle proposte di LM, da sottoporre agli allievi di terza in vista dell'iscrizione.

 

10. Ciascun allievo effettua tre scelte in ordine decrescente di priorità.

Allo scopo di favorire un'equa distribuzione delle scelte all'interno dei diversi settori di studio e di garantire un livello minimo di competenza, sono introdotte le seguenti limitazioni:

·        delle tre scelte, almeno una dev'essere operata nel settore della propria opzione specifica;

·        due scelte al massimo possono essere fatte nell'ambito dello stesso settore;

·        le materie scelte (nel caso di LM pluridisciplinare, almeno una delle due materie) devono figurare nel curricolo di studi dell'allievo.

 

11. Allo scopo di facilitare le scelte, il CDD organizza una sessione di presentazione, nel corso della quale i docenti sono a disposizione degli allievi per fornire ulteriori delucidazioni sul lavoro proposto.

 

12. Il CDD stabilisce annualmente il calendario delle diverse tappe di organizzazione e di svolgimento del lavoro di maturità.

 

13. Il presente regolamento entra in vigore con l'anno scolastico 2003/2004.

 

 

[testo approvato dal CD del 25.08.2003]

 

 

 

Mendrisio, 29 agosto 2003